Milan, Inter: due società, simile destino. Dalla proprietà unica al possibile doppio fondo

Da Berlusconi-Moratti a Zhang-Yong Hong Lì, fino al possibile doppo fondo. Ripercorriamo il cammino quasi parallelo di Milan e Inter: due società, simile destino.

 

I tempi in cui Milan e Inter erano in mano rispettivamente ai soli Berlusconi e Moratti sembrano dei lontani ricordi.

Il 15 novembre 2013 l’ex patron nerazzurro cede il 70% delle quote societarie al magnate indonesiano Erick Thohir.

Dopo pochi anni, il 6 giugno 2016 quest’utimo trasferisce parte delle sue quote e quella di Moratti al Suning Holdings Group dell’imprenditore cinese Zhang Jindong, che il 26 ottobre 2018 ha lasciato la carica di Presidente del club al figlio Steven Zhang, attuale proprietario dell’Inter.

Oggi, a causa delle limitazioni dei finanziamenti alle società sportive decise dal governo cinese, Zhang è costretto a cercare nuovi fondi con i quali gestire la baracca.

 

Anche il Milan ha vissuto una storia simile.

Il 14 aprile 2017 Berlusconi cede l’intera società alla Rossoneri Lux di Yong Hong Lì, che diventa Presidente del club.

Il 10 luglio 2018 il controllo passa alla Elliott Management Corporation per inadempienze dell’imprenditore cinese relative a obbligazioni verso il fondo d’investimento americano.

Il Fondo Elliott, in mano a Paul Elliott Singer, è diventato il vero proprietario del Milan a tutti gli effetti il 20 novembre 2020, quando la società lussemburghese Blue Skye Financial Partners dei finanzieri napoletani Salvatore Cerchione e Gianluca D’Avanzo ha ceduto il controllo della Project Redblack (la holding che possiede il Milan) alle due società controllate dal fondo Elliott, King George e Genio.

 

Come possiamo ben notare, le società Milan e Inter negli ultimi dieci anni hanno vissuto delle esperienze comuni.

 

Ora pensiamo al campo. Domenica c’è il derby!

 

Leggi anche:

Inter-Milan, uno scudetto che può significare molto per due motivi diversi: vietato sbagliare!

Zhang Jindong parla del futuro e spaventa l’Inter. “Chiuderemo le attività irrilevanti”

Inter, la squadra di Conte a caccia di record: scudetto che sa di rivalsa

Inter-Milan, scontro tra titani per Ibrahimovic e Lukaku: chi la spunterà?

Paolo Borrelli

Sono nato a Milano il 24/01/1991 e vivo a San Vito, piccola frazione del Comune di Gaggiano, nel sud ovest dell’hinterland milanese. Sono Laureato in Scienze dei Beni Culturali e in Storia dell’Arte. Essendo appassionato di cultura a 360°, non tralascio ovviamente il calcio, che seguo fin dalla tenera età. Tifo inter dalla stagione 1997/1998, colpito dalle magie di Ronaldo “Il Fenomeno”. Il mio colore preferito è il blu.

Read Previous

Inter, con Conte molti giocatori continuano a migliorare: il lavoro del mister fa vedere i suoi frutti

Read Next

Donnarumma: “Se chiudo gli occhi vedo Ibra che decide il derby”

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *