I 365 giorni di Eriksen all’Inter. Dalla sua presentazione alla Scala alla serata in Coppa Italia da protagonista.

28 gennaio 2020: Christian Eriksen è un giocatore dell’Inter. Un anno fa la sua presentazione alla Scala. Martedì in Coppa Italia la sua prima serata da protagonista. Ripercorriamo brevemente i 365 giorni del danese in nerazzurro.

 

Esattamente un anno fa l’Inter acquista Christian Eriksen dal Tottenham per la cifra di 27 milioni di euro. La società nerazzurra vuole colmare il gap che la separa dalla Juventus, che da anni domina nel nostro campionato.

Con gli Spurs il danese ha collezionato 305 presenze, 69 gol e 89 assist. Ha persino giocato titolare nella finale di Champion’s League del 1 giugno 2019, persa per due reti a zero contro il Liverpool.

L’Inter pensa di fare cosa grata a Conte prendendogli questo giocatore, di ruolo trequartista centrale. Purtroppo il tecnico salentino lo reputa poco adatto ai suoi schemi di gioco.

Eriksen esordisce con la maglia dell’Inter il 29 gennaio nella sfida di Coppa Italia contro la Fiorentina. Fece il suo primo ingresso in campionato nel derby contro il Milan, dove colpisce una traversa su una punizione dalla lunga distanza. In Serie A firma un gol nel 6-0 contro il Brescia.
Realizza la sua prima rete in maglia nerazzurra nella partita di Europa League contro il Ludogorets.

Per tutta la stagione Conte fatica molto a trovare una posizione congeniale al suo ruolo, anche qundo passa dal classico 3-5-2 al 3-4-1-2. Nella triste finale di Europa League contro il Siviglia, il danese entra in campo negli ultimi 12 minuti di gioco.

Stesso copione anche nella stagione attuale. Conte continua a snobbare il giocatore, perché, a suo dire, manca della giusta cattiveria. Alcuni club già si fanno avanti per comprarlo, tra cui il PSG e il Tottenham di Mourinho. Ma per l’Inter, a causa anche della pandemia che ha ridimensionato la situazione finanziaria del mondo calcistico, il mercato è chiuso.

Ai tifosi interisti rimane il ricordo dell’entrata di Eriksen a soli 2 minuti dalla fine del match di Champion’s League contro il Real Madrid, perso per 2-0. Per molti del popolo nerazzurro una vera e propria umiliazione.

Il nome del trequartista è pure sul mercato di gennaio, ma la società ha dichiarato che non arriverà e non partirà nessuno. A questo punto Conte si trova costretto a capire come rendere utile questo giocatore.

Ecco che arriviamo a martedì sera nel derby di Coppa Italia. Eriksen subentra a Brozovic nel ruolo di regista quando il risultato è sull’1-1. Per il resto sappiamo tutti come è andata: al 97′ punizione da posizione quasi centrale e finalmente la perla tanto attesa. Il danese calcia e insacca in rete, un gol che sa di rivincita. È la sua prima serata da protagonista. L’Inter rimonta sul Milan e vola in semifinale.

 

Dopo una serata come questa e il no secco dei nerazzurri ad altre offerte per questo giocatore, speriamo che Eriksen diventi un giocatore sempre più centrale per il progetto contiano.

 

 

Paolo Borrelli

Sono nato a Milano il 24/01/1991 e vivo a San Vito, piccola frazione del Comune di Gaggiano, nel sud ovest dell’hinterland milanese. Sono Laureato in Scienze dei Beni Culturali e in Storia dell’Arte. Essendo appassionato di cultura a 360°, non tralascio ovviamente il calcio, che seguo fin dalla tenera età. Tifo inter dalla stagione 1997/1998, colpito dalle magie di Ronaldo “Il Fenomeno”. Il mio colore preferito è il blu.

Read Previous

Benevento e Fiorentina, quanto peserà l’assenza di Conte in panchina?

Read Next

Ibra-Lukaku, rischio maxi squalifica: il caso può passare in procura

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *