Inzaghi – Ottima partenza in Serie A, ora serve la svolta europea

Il campionato si ferma per la seconda volta in stagione, come di consueto, per la sosta delle Nazionali. Possiamo quindi tracciare un primo bilancio dell’esperienza di Simone Inzaghi sulla panchina dell’Inter.

Dopo 7 giornate, i Campioni d’Italia in carica occupano il terzo posto in classifica avendo collezionato 17 punti. Meglio dei nerazzurri hanno fatto solo il Napoli (che ha conquistato 21 punti su 21 disponibili) e il Milan (19 punti). In queste prime 7 gare l’Inter ha collezionato 5 vittorie e 2 pareggi, una partenza in linea con l’obiettivo stagionale, che è quello di difendere lo scudetto. Nonostante le cessioni pesante del mercato estivo, la squadra ha risposto bene dimostrando gioco e carattere. Non è un caso che, in trasferta, l’Inter abbia chiuso tre volte il primo tempo in svantaggio e poi abbia vinto la gara con grandi reazioni nel secondo tempo. In tutto questo c’è sicuramente la mano del nuovo allenatore, che dall’area tecnica motiva i suoi ragazzi per tutti i 90′. Per quanto riguarda il lato tattico, Inzaghi ha proseguito sulla scia del lavoro impostato da Antonio Conte, apportando però alcune modifiche. Pensiamo ad esempio alla squadra che sembra più propositiva e meno “speculativa”, con il baricentro medio che si è inevitabilmente alzato. Questa Inter vuole comandare di più il gioco rispetto a quella dello scorso anno, che aveva dalla sua due contropiedisti formidabili come Hakimi e Lukaku. Quest’anno, con un attaccante come Edin Dzeko diventa fondamentale condurre di più il gioco nella metà campo avversaria per poi colpire.

Fino ad ora l’Inter ci è quasi sempre riuscita in Serie A (come dimostra il miglior attacco fino ad ora con 22 goal segnati), mentre in Europa qualcosa non ha funzionato. Ed è proprio sul palcoscenico europeo che, al rientro dalla sosta, l’Inter dovrà svoltare. Il doppio confronto con lo Sheriff è un’occasione ghiotta per tornare alla vittoria in Champions League e per mettere in discesa un girone che si è complicato dopo il punto conquistato nelle prime due partite. Servirà l’Inter formato campionato per approdare agli ottavi di finale a distanza di 10 anni dall’ultima volta. Simone Inzaghi sa che il prossimo mese sarà fondamentali per le sorti nazionali ed europee dell’Inter, che dopo aver riconquistato il tricolore non vuole smettere di essere protagonista.

Fabrizio Febi

Classe '97, vivo nelle Marche in provincia di Ancona. Laureato in Economia e Commercio attualmente iscritto alla Magistrale di Economia e Management. Appassionato di calcio in tutte le sue sfaccettature, con un occhio anche agli altri sport. Inter e Los Angeles Clippers le mie più grandi passioni. Ho scritto per Periodicodaily, sporteconomy e jzsportnews dopo aver frequentato il corso "Giornalismo Calcistico e Uffici Stampa" presso la scuola Elite Football Center.

Read Previous

Inter, che inizio per Perisic. Leader in campo

Read Next

Inter, il pensiero di Vieri: “Col Sassuolo, vittoria grazie alla panchina lunga”

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *